• Assocuore - Associazione Cesenate per la lotta contro le Malattie di Cuore ONLUS
  • Telefono sede +39 0547 611169 - cellulare +39 340 9570617

La morte cardiaca improvvisa …….. un evento reversibile

Il nostro cuore è una piccola meravigliosa pompa, in grado di contrarsi 80/100 mila volte al dì, 2 miliardi e mezzo di volte in 80 anni, facendo circolare 2.000.000 di ettolitri di sangue che garantiscono un costante apporto di ossigeno e nutrimento ai tessuti del nostro organismo per tutta la vita.
Come tutte le macchine può essere soggetto a deterioramento, con sua disfunzione o anche a rottura improvvisa che ne determina l’arresto con il conseguente decesso del paziente.

COSA È

Questo evento, chiamato morte improvvisa, non è affatto raro, anzi costituisce una delle più comuni modalità di exitus; si calcola infatti che in Italia vengono registrati dai 60 ai 70.000 arresti cardiocircolatori l’anno. L’età media dei pazienti colpiti è di 65 anni, ma non è infrequente purtroppo il caso di giovani colpiti da morte improvvisa negli stadi o nelle strutture sportive.

Varie sono le modalità con le quali può avvenire un arresto cardiaco esempio: rottura di cuore, mancata attivazione elettrica, blocco meccanico, tuttavia la causa più frequente è la fibrillazione ventricolare. Si tratta di un’aritmia letale causata da una stimolazione elettrica cardiaca caotica a cui consegue una mancata contrazione cardiaca efficace.

Il processo è irreversibile e solo circa un 2% dei pazienti viene salvato per un tempestivo intervento dell’ambulanza e di personale qualificato

PUÒ ESSERE PREVISTA?

Considerata la frequenza e l’importanza sociale del problema si è cercato di individuare i soggetti a maggiore rischio di morte improvvisa.

Sicuramente i cuori più usurati per età, malattie cardiache, malattie sistemiche sono più portati all’arresto.

In particolare i soggetti che hanno subito un infarto miocardico esteso con conseguente severa disfunzione cardiaca e gli individui portatori di una coronaropatia severa sono a rischio molto elevato.

Nessuno può dirsi a priori esente dal rischio di una morte improvvisa, ma…. far ripartire il cuore è possibile !

COSA FARE?

È possibile che un cuore completamente impazzito, come nel caso della fibrillazione ventricolare, possa essere riportato all’ordine mediante una scarica elettrica istantanea erogata da un apparecchio elettrico semi automatico chiamato defibrillatore. Con il (DAE) Defibrilatore elettrico semiautomatico è diventato possibile interrompere la fibrillazione ventricolare e salvare la vittima di un arresto cardiaco.

Questo strumento è disponibile da molti anni nei reparti di cardiologia e in altri ambienti ospedalieri, cosi come sull’ambulanza che viene chiamata d’urgenza in caso di arresto cardiaco.

LA RETE DELLA RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA

rianimazione cardiovascolare cuoreGià da molti anni sono nati progetti territoriali che prevedono il posizionamento dei defibrillatori in punti strategici quali aeroporti, strade, supermercati.

Questo ha consentito il ricorso alla defibrillazione precoce nell’arresto cardiaco riducendo enormemente i tempi di arresto cardiocircolatorio e quindi di anossia tessutale.

La loro minimalizzazione è fondamentale non solo per salvare la vita del paziente, ma anche per preservare le sue funzioni neuropsicologiche che garantiscano un recupero integrale ad una vita lavorativa e di relazione. Si calcola infatti che per ogni minuto di arresto cardiaco si perda circa il 10% delle possibilità di recupero funzionale cerebrale fino alla cosiddetta morte cerebrale dopo circa 10 minuti.

Per evitare il danno intellettivo e fisiologico da ipossia è quindi necessario l’utilizzo precoce del defibrillatore e, se questo non è immediatamente disponibile, attuare il massaggio cardiaco per mantenere un minimo di perfusione.

Progetto di defibrillazione precoce sul territorio di Cesena

Ruolo del 118

defibrillatore assocuoreIl progetto, denominato codice blu 118 per salvare una vita, è nato nell’aprile 2003 su iniziativa del 118 Cesena Soccorso e della Unità Operativa di Cardiologia dell’Ospedale Bufalini e dal 2012 ha avuto nuovo impulso grazie alla collaborazione dell’Associazione ASSOCUORE ONLUS (Associazione Cesenate per la lotta contro le malattie di cuore).

Scopo del progetto è promuovere una distribuzione il più capillare possibile dei defibrillatori semi automatici per combattere la morte cardiaca improvvisa. Questi apparecchi, per le loro caratteristiche di semplicità e di efficacia possono essere utilizzati da chiunque, anche da personale non sanitario purché minimamente addestrato. Requisito indispensabile al mantenimento dell’autorizzazione all’utilizzo del defibrillatore è il re-training periodico certificato che viene effettuato all’incirca ogni due anni.

Con il Defibrilatore elettrico semiautomatico (DAE) è diventato possibile interrompere la fibrillazione ventricolare e salvare la vittima di arresto cardiaco.

RUOLO DI ASSOCUORE ONLUS

Nell’azione di promozione del progetto un ruolo particolare lo svolge l’ASSOCUORE ONLUS

L’Associazione”ASSOCUORE” in collaborazione con il “118” della AUSL di Cesena e con il Patrocinio del Comune di Cesena è impegnata in questo progetto con il compito di:

  • promuovere iniziative per la realizzazione del progetto
  • monitorare il territorio sulla presenza dei DAE e del personale formato
  • raccogliere le adesioni per i corsi BLSD (Basic Life Support- Defibrillation)
  • fornire le informazioni e la consulenza necessarie per l’acquisto dei defi brillatori

In particolare, potenziare l’attuale progetto al fine di una diffusione sempre più capillare dei DAE all’interno delle scuole, nei quartieri, nelle piazze, nelle spiagge,nei supermercati,nelle discoteche, nei luoghi di lavoro, nelle farmacie, negli alberghi nei centri ricreativi, nelle palestre , nei centri sportivi e in tutti quei luoghi affollati dove statisticamente è più probabile si realizzino morti improvvise.

arresto cardiaco assocuoreOBBLIGO DELLA PRESENZA DEI DEFIBRILLATORI NELLE SOCIETÀ SPORTIVE

Il Ministro della salute, Renato Balduzzi, di concerto con il Ministero dello Sport, Piero Gnudi, ha firmato il decreto ministeriale, del 24 aprile 2013 (G.U. Serie Generale n. 169 del 20/7/2013), “Disciplina della certificazione dell’attività sportiva non agonistica e amatoriale e linee guida sulla dotazione e l’utilizzo di defibrillatori semiautomatici e di eventuali altri salvavita”. L’adozione del decreto era prevista dall’articolo 7 comma 11 del decreto Salute e sviluppo del 2012 (d.l. 13/9/2012 n. 158).

Le società sportive dilettantistiche e quelle sportive professionistiche devono dotarsi di defibrillatori semiautomatici. Sono escluse le società dilettantistiche che svolgono attività a ridotto impegno cardiocircolatorio. Gli oneri sono a carico delle società, ma queste possono associarsi se operano nello stesso impianto sportivo, oppure possono accordarsi con i gestori degli impianti perché siano questi a farsene carico.

Il decreto ministeriale contiene linee guida dettagliate sulla dotazione e l’utilizzo del defibrillatore. Dovrà essere presente personale formato e pronto a intervenire e il defibrillatore deve essere facilmente accessibile, adeguatamente segnalato e sempre perfettamente funzionante.

E’ possibile contattare ASSOCUORE (info@assocuore.net) per ottenere tutte le necessarie informazioni relative ai corsi e all’acquisto dei defibrillatori.

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?